20
Ven, Lug

 

Fatturazione Elettronica per imprenditori e professionisti

Fattura elettronica alla Pubblica Amminstrazione,

facciamo tutto noi per te.

Inclusa assistenza telefonica e per e-mail

 

La Fattura Elettronica è la sola tipologia di fattura accettata dalle Amministrazioni Pubbliche che, secondo le disposizioni di legge, sono tenute ad avvalersi del Sistema di Interscambio.

 

La FatturaPA ha le seguenti caratteristiche:

  • il contenuto è rappresentato, in un file XML (eXtensible Markup Language), secondo il formato della FatturaPA. Questo formato è l’ unico accettato dal Sistema di Interscambio.
  • l’ autenticità dell’ origine e l’integrità del contenuto sono garantite tramite l’ apposizione della firma elettronica qualificata di chi emette la fattura,
  • la trasmissione è vincolata alla presenza del codice identificativo univoco dell’ufficio destinatario della fattura riportato nell’ Indice delle Pubbliche Amministrazioni.

 

Il nostro Servizio:

  • Consulenza sull’elaborazione della fattura
  • Redazione ed invio della fattura
  • Monitoraggio esito fattura
  • Rapporto con l’Ente Pubblico
  • Archiviazione decennale delle fatture in formato elettronico

                                                                             Saldi estivi 2018 sabato 7 al via in tutta Italia. Sconti di partenza tra il 30 ed il 40%

In 7 negozi su 10, si tenta di recuperare un avvio d’anno negativo. Manzoni: “Assortimento record, grande occasione per clienti ed imprese”

Consumatori e spesa. Tra chi ha già fissato un budget, si prevede una spesa media di 165 euro a persona, anche se con profonde differenze territoriali. Ma il dato finale potrebbe essere molto diverso: nonostante sia interessato ai saldi l’85% dei consumatori, solo il 34% ha già stabilito di acquistare, mentre il 51% deciderà a seconda delle occasioni che troverà curiosando tra le vetrine. La voglia dell’affare è confermata anche dalle intenzioni di acquisto: la metà dei consumatori (il 50%) vuole usare i saldi per accaparrarsi i capi più convenienti, mentre il 28% punta alla qualità. Solo il 5%, invece, è interessato a capi firmati.

I negozi. Aderirà ai prossimi saldi 1 su 3 delle attività commerciali italiane, per un totale di circa 280 mila negozi sul territorio nazionale. Quest’anno le offerte saranno più sostanziose del normale: il 68% delle imprese inaugurerà le vendite di fine stagione estive con riduzioni di prezzo tra il 30 ed il 40%, mentre l’11% degli imprenditori si spingerà anche sopra questa soglia. Solo due negozi su dieci, invece, offriranno sconti tra il 20 ed il 30%.

Quest’estate gli sconti di partenza saranno più alti della media: c’è da recuperare un avvio di anno che, dopo il leggero miglioramento registrato a fine 2017, è tornato a mostrare risultati negativi per le vendite, sotto i livelli dello scorso anno e del 2016”.  Ad incidere sulla performance è stato il periodo di instabilità politica, che ha frenato a lungo i consumi durante la primavera. Ma anche un meteo imprevedibile, con un inverno troppo caldo ed una primavera fredda, cui si aggiunge un’estate che tarda ad arrivare, che ha influito negativamente per tutti i primi sei mesi. Il risultato è che quest’anno le vendite di fine stagione saranno un’occasione sia per le imprese che per i clienti, visto che i negozi presenteranno in saldo un assortimento di merce record per quantità e varietà”.

DIVIETO DI PAGARE LA RETRIBUZIONE IN CONTANTI – DECORRENZA 1° LUGLIO 2018

 

A decorrere dal 1° luglio 2018, per effetto della Legge di Bilancio 2018 (commi 911 e ss. della L. n. 205 del 27 dicembre 2017), il pagamento della retribuzione/compensodei seguenti lavoratori:

– dipendenti (qualsivoglia sia l’inquadramento contrattuale: a termine, intermittente, apprendistato, job sharing, a chiamata, full e part time, etc.);

– collaboratori coordinati e continuativi (compresi gli amministratori di società che non fatturano il compenso ma gli viene consegnata la busta paga);


deve avvenire solo attraverso gli strumenti di seguito elencati:

  • bonifico bancario o postale, con codice IBAN indicato dal lavoratore;
  • pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria all’uopo dedicato (posto che in questo caso la banca deve identificare la persona che riscuote la somma comunicata dal correntista datore di lavoro);
  • assegno consegnato direttamente al lavoratore, o, in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato. L’impedimento deve essere comprovato e il delegato deve essere il coniuge, il convivente o un familiare, in linea retta o collaterale, del lavoratore, purché di età non inferiore a 16 anni;
  • strumenti di pagamento elettronico (in via generale, ma non solo, carta di credito).

LA TRASFERTE DEI DIPENDENTI O COLLABORATORI

Anche gli eventuali anticipi per trasferte, ovvero i rimborsi per le spese di trasferta sostenute dal lavoratore, devono essere erogati in modalità tracciabile. In definitiva è vietato l’utilizzo di denaro contante. Si ricorda che è buona norma contabilizzare anche i rimborsi spese di trasferta corrisposti ai lavoratori dipendenti nel LUL – Libro Unico del Lavoro, anche se, va fatto presente che se detti rimborsi sono a piè di lista e, quindi, non concorrono a formare il reddito del lavoratore, l’eventuale mancata contabilizzazione nel LUL non è sanzionata.

QUANDO È POSSIBILE CONTINUARE A PAGARE IN CONTANTI

La norma prevede esplicite esclusioni dall’obbligo del pagamento tracciato della retribuzione. I seguenti rapporti sono esclusi dal divieto al pagamento in contanti delle retribuzioni:

  • rapporti di lavoro instaurati con le Pubbliche Amministrazioni(di cui all’art. 1, comma 2, del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165);
  • rapporti di lavoro domestico (di cui alla L. 2 aprile 1958, n. 339 e a quelli comunque rientranti nell’ambito di applicazione dei CCNL per gli addetti a servizi familiari e domestici, stipulati dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale).

Dal tenore letterale della norma sembra che il pagamento del compenso dei lavoratori autonomi occasionali non sia soggetto all’obbligo di tracciabilità, ma il principio della prudenza e della ordinata gestione amministrativa oltre che l’esigenza di ottenere prova del pagamento suggeriscono di pagare qualsivoglia retribuzione/compenso con modalità tracciata.

Peraltro, va doverosamente sottolineato come la Legge di Bilancio 2018 ha introdotto alcune disposizioni circa il valore della firma per quietanza fornita dal lavoratore con la sottoscrizione della busta paga, prevedendo che la sottoscrizione della busta paga dal parte del lavoratore non costituisce prova dell’avvenuto pagamento.

D’altronde va detto che tale principio è stato già da tempo fissato dalla Corte di cassazione, da ultimo nella Sentenza n. 9294/2011 la quale stabilisce che

“è onere del datore di lavoro di consegnare ai propri dipendenti i prospetti contenenti tutti gli elementi della retribuzione e che, comunque, i detti prospetti, anche se eventualmente sottoscritti dal prestatore d’opera con la formula “per ricevuta”, non sono sufficienti per ritenere delibato l’effettivo pagamento, potendo costituire prova solo dell’avvenuta consegna della busta paga e restando onerato il datore di lavoro, in caso di contestazione, della dimostrazione di tale evento. Pertanto, la sottoscrizione della busta paga dimostra soltanto la sua regolare consegna al dipendente, mentre la prova dell’effettivo pagamento è totalmente a carico del datore di lavoro.”

LE SANZIONI IN CASO DI PAGAMENTO IN CONTANTI

In caso di violazione della disposizione oggetto della presente informativa, il legislatore prevede una sanzione amministrativa pecuniaria da 3.000 a 5.000 euro, che verrà comminata dagli uffici della Ragioneria territoriale dello Stato.

Resta, peraltro, ferma la norma antiriciclaggio che vieta il pagamento in contanti di somme superiori a € 2.999,99. Dovrà essere chiarito il rapporto tra le due disposizioni sanzionatorie.

 

Il 24 aprile 2018 il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze hanno trasmesso agli organi di controllo il decreto ministeriale n. 215 recante le 'disposizioni applicative in materia di credito di imposta per gli esercenti di attività commerciali che operano nel settore della vendita al dettaglio di libri, di cui all'articolo 1 comma 319 e seguenti della legge 27 dicembre 2017 n. 205'.

 

Il credito d'imposta concesso potrà essere utilizzato per il pagamento di IMU, TASI, TARI,imposta di pubblicità, tassa per occupazione suolo pubblico, spese di locazione, spese di mutuo e contributi previdenziali e assistenziali per il personale dipendente.

 

Al fine del riconoscimento del credito d'imposta i possibili beneficiari dovranno presentare per via telematica alla Direzione generale Biblioteche e istituti culturali richiesta, da redigersi su modelli predisposti, entro il 30 settembre.

 

Il 13 giugno Cristina Giussani, presidente del Sil, e Ermanno Anselmi, Coordinatore Nazionale, hanno incontrato il dott. Nicola Macrì presso la DG Biblioteche e Istituti culturali, cui appunto è stata affidata la gestione del credito fiscale per le librerie.Lo staff della DG Biblioteche ha illustrato il funzionamento del portale dedicato dove appunto gli esercenti dovranno registrarsi e inserire i dati entro il 30 settembre.

 

Il portale, che sarà messo in linea a breve, sarà collegato al sistema InfoCamere per il controllo incrociato dei dati .

La Confesercenti sarà disponibile per procedere alla compilazione delle pratiche.

 

Il Sil, che ha contribuito alla stesura del provvedimento, si dichiara soddisfatto e grato al Mibact per l'iniziativa, le modalità con cui si concretizza e la collaborazione instaurata con lo stesso sindacato LIbrai.

 

Ci auguriamo che questa misura possa essere un punto di partenza verso una legge sul libro che garantisca le librerie contro la concorrenza sleale praticata online.

 

Maria Teresa Altieri

Coordinatore provinciale Sil Confesercenti Viterbo

 

 

Viterbo 19/06/2018

Notizie per categoria

Grid List

Organizzazione al Meeting

Aree di intervento

Grande associazione imprenditoriale e grande sistema di servizi alle imprese. Sono circa 500 le società, consorzi cooperative ed enti Confesercenti che operano per fornire alle Pmi un valido supporto ed un’ampia gamma di servizi. I dipendenti del sistema sono circa oltre 5000 ed operano nelle 135 organizzazioni territoriali, ciascuna delle quali si articola in sedi zonali e comunali e in apposite strutture societarie.

Leggi tutto: Il sistema Confesercenti

VisiTuscia 2015 - VIII Edizione

Aree di intervento

Quasi sessanta gli operatori turistici ed enogastronomici della Tuscia partecipanti al workshop dove hanno incontrato una trentina di buyer internazionali, nell’evento organizzato con il contributo della Camera di Commercio Viterbo e Unioncamere Lazio.

Leggi tutto: Visituscia evento cardine per promuovere il turismo nella provincia di Viterbo

Buy Lazio - 25 Mercati Esteri

Aree di intervento

La diciottesima edizione del Buy Lazio ha fatto registrare la presenza di 25 Mercati Esteri per un totale di 72 Buyer partecipanti.
La mappa geografica di provenienza dei Buyer si configura con la seguente ripartizione:

Leggi tutto: 25 Mercati Esteri per un totale di 72 Buyer partecipanti

Il turismo volano della nostra economia

Aree di intervento

L’Italia ha agganciato l’inversione di tendenza ed ha intercettato la crescita: nel 2015 il Pil crescerà dello 0,8%, mentre nel 2016 e nel 2017 la variazione si attesterà sul +1%, scontando le tensioni del quadro internazionale.

Leggi tutto: Il turismo volano della nostra economia

10 ottimi motivi per associarsi

Comunicazioni

La Confesercenti di Viterbo a fianco delle imprese per la crescita e lo sviluppo. Campagna di tesseramento . Aderire per fare impresa ed essere rete.

Leggi tutto: 10 ottimi motivi per associarsi a Confesercenti

Visituscia 2015 a EAT PARADE TG2

Comunicazioni

Il Servizio Sapori della Tuscia e la presentazione dell' VIII workshop VisiTuscia con Antonio Castello, Lina Novelli e Giuliana Pira sarà presentato nella nota rubrica del TG2 Eat Parade di Bruno Gambacorta. L’appuntamento è per Venerdì 18 Settembre 2015 alle ore 13:30.

Leggi tutto: Venerdì 18 Settembre 2015 il servizio Sapori della Tuscia presentato su RAI2 – Eat Parade

Parla Impresa

Comunicazioni

Parla Impresa, il primo servizio “social” web di aiuto per gli imprenditori in crisi. Uno strumento digitale al servizio degli imprenditori, che mai come adesso hanno bisogno di aiuto perché oberati da crisi, problemi nell’accesso al credito e da una elevatissima pressione fiscale.

Leggi tutto: Parla Impresa

La Guida presentata su RAI2

Comunicazioni

La Guida Enogastronomica della Tuscia 2015 sarà presentata nella nota rubrica del TG2 Eat Parade. L’appuntamento è per Venerdì 7 Agosto 2015 alle ore 13:30.

Leggi tutto: Venerdì 7 Agosto 2015 la Guida presentata su RAI2 – Eat Parade

VisiTuscia 2015 - VIII Edizione

Appuntamenti

Visto il successo ottenuto dalle 7 precedenti edizioni del workshop turistico VISITUSCIA, il C.A.T. - Centro Assistenza Tecnica Sviluppo Imprese di Viterbo con il partenariato della C.C.I.A.A.  di Viterbo e di Unioncamere Lazio, con il patrocinio dell’ENIT, della Regione Lazio e della Provincia di Viterbo  con la collaborazione delle principali associazioni di categoria del turismo (Confesercenti, Confcommercio, Confindustria e le Associazioni dell'Artigianato e dell'Agricoltura), organizza per i giorni 23 – 26 Ottobre 2015 il VIII Workshop turistico VISITUSCIA – “Un club di prodotto”.

Leggi tutto: VisiTuscia 2015 - VIII° Edizione del Workshop

Il C.a.t. Confesercenti di Viterbo comunica che dal mese di giugno partiranno tutti i RINNOVI

degli ATTESTATI HACCP igiene degli alimenti  e RSPP per il datore di lavoro.

Sono aperte le iscrizioni!

 

 Per in formazioni rivolgersi al:

C.a.t Confesercenti Viterbo c/o Via Bruno Buozzi, 115 – Viterbo (VT).

Gli orari degli uffici sono dalle  8:30 – 13:00 e dalle  15:00 – 18:00 dal lunedì al giovedì; venerdì 8:30 – 13:00.Telefono 0761/344600 -0761/1878320

 

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il C.a.t. Confesercenti di Viterbo comunica che il giorno 12 giugno inizierà il  III° Corso P.I.A. 2017.

ORARIO LEZIONI : Dal lunedì al venerdì ore 14.30/18.30 e il venerdì ore 9.00/13.00

Il corso abilitante a pagamento è riconosciuto dalla Regione Lazio per intraprendere l’attività di vendita e somministrazione di alimenti e bevande.

Il Corso ha durata di 92 ore con esame finale.

 

Le iscrizioni sono ancora possibili. Per in formazioni rivolgersi al:

C.a.t Confesercenti Viterbo c/o Via Bruno Buozzi, 115 – Viterbo (VT).

Gli orari degli uffici sono dalle  8:30 – 13:00 e dalle  15:00 – 18:00 dal lunedì al giovedì; venerdì 8:30 – 13:00.

Telefono 0761/344600 -0761/1878320

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il corso è a numero chiuso.

 

 

 

 

 

Il C.A.T. CONFESERCENTI di Viterbo comunica che sarà attivo dal 24 maggio 2017 alle ore 14.30 il

"I° CORSO A.R.C. per agenti e rappresentanti di commercio".

Il corso abilitante a pagamento è riconosciuto dalla Regione Lazio per intraprendere l’attività di agente rappresentante di commercio. Il Corso ha durata di 120 ore con esame finale. 

DURATA CORSO: dal 24 maggio al 7 luglio 2017.


E' possibile ancora iscriversi.

Per in formazioni sui prossimi corsi rivolgersi al C.a.t Confesercenti Viterbo c/o Via Bruno Buozzi, 115 – Viterbo (VT).Gli orari degli uffici sono dalle  8:30 – 13:00 e dalle  15:00 – 18:00 dal lunedì al giovedì; venerdì 8:30 – 13:00. Telefono 0761/344600 -0761/1878320
Email:
 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il corso è a numero chiuso.

C.A.T. CONFESERCENTI di Viterbo Srl

II° 2017 - Corso abilitante PIA

Formazione

Il C.a.t. Confesercenti di Viterbo comunica che è attivo il  II° Corso P.I.A. 2017. Il corso abilitante a pagamento è riconosciuto dalla Regione Lazio per intraprendere l’attività di vendita e somministrazione di alimenti e bevande.
Il Corso ha durata di 92 ore con esame finale.

Leggi tutto: Corsi abilitanti – II° Corso P.I.A. 2017 abilitazione per la vendita e somministrazione di...

Come già era stato reso noto in un precedente comunicato stampa dello scorso mese di maggio circa la modulistica della scia due, dell’accordo del 4 maggio 2017 approvato in sede di Conferenza unificata Stato – Regioni autonomie locali sull’adozione dei moduli standardizzati, per gli esercizi di attività commerciali artigianali e per l’edilizia produttiva, è notizia di pochi giorni fa, che la Regione Lazio ha pubblicato la propria modulistica unica, che dovrà essere un riferimento importante esemplificativo per il Suap (Sportelli unici attività produttive) e per Sue, Sportelli Unici per l’edilizia).

La Regione ha fissato inoltre, per tutto il territorio regionale, una precisa scadenza, che è quella del 30 giugno, dove i Comuni dovranno adeguarsi e rispettare le regole fissate dalla Regione.

“Salutiamo – commenta Vincenzo Peparello – non solo con soddisfazione ed apprezzamento questo importante atto che toglie di mezzo un pezzo
di burocrazia, nella semplificazione degli atti, ma dipana anche tanta confusione che regnava tra gli stessi Comuni che applicavano modulistica difforme tra un ente e l’altro. È necessario ora, ce lo auguriamo tantissimo, che tutti i Suap a livello regionale si adeguino
agli standard previsti”.

Questo comporterà, sicuramente, un’agevolazione per le Imprese, dove ancora pesano i costi della burocrazia, ma a beneficio anche dello
sviluppo del territorio che si affranca rispetto al passato, di strumenti snelli e semplici, che vanno in aiuto delle Imprese e del territorio
.

Cat Confesercenti

 

 

                                                                                                                

 

Confesercenti, CAT e IPSE: al via il nuovo progetto formativo a Viterbo

Dal 3 maggio un corso di formazione interattivo sulle Tecniche di Vendita

per le Piccole e Medie Imprese del territorio

 

Viterbo, aprile 2017 – Confesercenti Viterbo, CAT Centro Assistenza Tecnica e Sviluppo Imprese e IPSE Istituto Psicologico Europeo hanno siglato un accordo di collaborazione per la realizzazione di un primo progetto formativo rivolto alle Piccole e Medie Imprese del Commercio, Turismo e Servizi della Provincia di Viterbo e che ha per oggetto le tecniche di vendita.

 Il corso di formazione, che prende il via il prossimo 3 maggio presso la sede IPSE di Viterbo, si sviluppa in sedici incontri che hanno per oggetto gli aspetti psicologici della vendita, le tecniche di comunicazione persuasiva, la gestione delle problematiche, la presentazione del prodotto, la presentazione di sé, la finalizzazione e la gestione del post-vendita.

 Vicenzo Peparello, Presidente Confesercenti, dichiara: “La forza vendita delle aziende, come il singolo commerciante, hanno bisogno di rinnovare e rafforzare i propri strumenti. Le sfide di oggi richiedono una riqualificazione e un ripensamento dell’intera dinamica di invito, di accoglienza e di gestione del cliente. L’intesa e la collaborazione con i professionisti di IPSE è funzionale a supportare questa evoluzione”

 “Sono felice di questa collaborazione con Confesercenti e CAT – dichiara Michele Palazzetti, Direttore IPSE Viterbo e coach del progetto formativo – Il corso sulle Tecniche di Vendita rappresenta un’occasione utilissima per chi vuole intraprendere un’attività commerciale e per chi vuole aggiornare i suoi strumenti professionali. Per capire le esigenze, le aspettative, le sensibilità del cliente. Per far nascere desiderio d’acquisto e accompagnarlo fino alla soddisfazione dell’acquisto”

 CAT: Opera nella formazione professionale e nel sostegno alle aziende da anni. Ha una sperimentata attività di direzione progettuale, progettazione sperimentale, coordinamento e rendicontazione di progetti finanziati dal Fondo Sociale Europeo. E’ Agenzia formativa espressione di CONFESERCENTI VITERBO, che rappresenta Piccole e Medie Imprese del Commercio, del Turismo e dei Servizi della Provincia di Viterbo

 IPSE, Istituto Psicologico Europeo, è un Centro di Clinica Psicologica, Formazione e Ricerca Psicosociale. Nasce nel 1998 dall'unione di professionalità mediche e psicologiche impegnate nelle aree della comunicazione e della relazione.

Oggi conta trenta collaboratori altamente qualificati, operanti sull’ intero territorio nazionale.

 Per info e iscrizioni:

CAT Viterbo tel. 0761.18.78.320- mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fiepet Confesercenti

Comunicati Stampa

FIEPET CONFESERCENTI (Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici)

ULTIMI GIORNI PER PAGAMENTO DEI DIRITTI SIAE

 

Per il rinnovo  degli abbonamenti SIAE

 il termine di pagamento stato spostato al 24 Marzo 2017

  

Su autorizzazione dei nuovi  accordi SIAE Categorie Associative.

La stessa SIAE ci ha comunicato che la data di scadenza per il rinnovo degli abbonamenti di musica

d’ambiente per l’anno 2017 è stata posticipata al 24 marzo.

 

La nuova scadenza riguarda tutte le modalità di rinnovo (pagamento MAV, portale musica d’ambiente e sportello) e sarà valida per tutte le categorie di utilizzatori (pubblici esercizi, alberghi, negozi, ecc…)

 

La FIEPET Confesercenti ricorda a tutti gli esercenti  associati e non che sono disponibili presso le sedi di Viterbo- Acquapendente – Castiglione in Teverina –Civita Castellana – Montalto di Castro – Orte – Grotte Santo Stefano, i moduli da consegnare della SIAE per i rinnovi e per ottenere gli sconti del 25% e 30%.

 

 

Per ulteriori informazioni circa i nuovi accordi e relative tariffe applicate sugli ambienti

contattare la segreteria :

 CAT Confesercenti Viterbo

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Via B. BUOZZI 115 - 01100 Viterbo
tel. 0761 1878320  fax 0761 340105

 

FIEPET CONFESERCENTI (Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici)

 

 

 

ULTIMI GIORNI PER PAGAMENTO DEI DIRITTI SIAE

 

Per il rinnovo  degli abbonamenti SIAE

 il termine di pagamento stato spostato al 24 Marzo 2017

 

 

Su autorizzazione dei nuovi  accordi SIAE Categorie Associative.

La stessa SIAE ci ha comunicato che la data di scadenza per il rinnovo degli abbonamenti di musica

d’ambiente per l’anno 2017 è stata posticipata al 24 marzo.

 

La nuova scadenza riguarda tutte le modalità di rinnovo (pagamento MAV, portale musica d’ambiente e sportello) e sarà valida per tutte le categorie di utilizzatori (pubblici esercizi, alberghi, negozi, ecc…)

 

La FIEPET Confesercenti ricorda a tutti gli esercenti  associati e non che sono disponibili presso le sedi di Viterbo- Acquapendente – Castiglione in Teverina –Civita Castellana – Montalto di Castro – Orte – Grotte Santo Stefano, i moduli da consegnare della SIAE per i rinnovi e per ottenere gli sconti del 25% e 30%.

 

 

Per ulteriori informazioni circa i nuovi accordi e relative tariffe applicate sugli ambienti

contattare la segreteria :

 

 

CAT Confesercenti Viterbo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Via B. BUOZZI 115 - 01100 Viterbo
tel. 0761 1878320  fax 0761 340105

Video del momento

Viterbo Italy Soleggiato, 28 °C
Current Conditions
Alba 5:53 am   |   Tramonto 8:43 pm
33%     6.4 km/h     32.420 atm
Forecast
VEN Minima: 15 °C Massima: 31 °C
SAB Minima: 18 °C Massima: 30 °C
DOM Minima: 17 °C Massima: 30 °C
LUN Minima: 18 °C Massima: 27 °C
MAR Minima: 17 °C Massima: 31 °C
MER Minima: 18 °C Massima: 32 °C
GIO Minima: 19 °C Massima: 32 °C
VEN Minima: 18 °C Massima: 30 °C
SAB Minima: 18 °C Massima: 32 °C
DOM Minima: 19 °C Massima: 31 °C

Direttiva Europea sulla privacy

Questo sito utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione e le altre funzioni. Utilizzando questo sito, accettate che si installino questo tipo di cookies nel vostro dispositivo.

Leggi la direttiva e-Privacy

Avete rifiutato i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata in seguito.

Avete autorizzato i cookies sul vostro computer. Questa decisione può essere cambiata.